Ingredienti

  • 2 filetti di platessa privati della pelle
  • 350 g di cimette di cavolfiore
  • 3 cucchiai di olio d'oliva
  • 1 cucchiaio di burro
  • 25 g di mandorle spellate, tritate grossolanamente
  • 1 cucchiaio di prezzemolo, tritato grossolanamente

Preparazione

  1. Tagliare a metà i filetti di platessa nel senso della lunghezza. Tagliare le cimette di cavolfiore rendendole ancora più piccole (circa 1 cm).
  2. Scaldare 1½ cucchiaio di olio d'oliva in una padella abbastanza larga. Disporre i filetti di platessa nell’olio caldo, con il lato dove c’era la pelle rivolto verso l’alto. Agitare la padella in modo che i filetti di platessa non si attacchino. Appena la platessa ha preso colore, aggiungere mezzo cucchiaio di burro e soffriggere a fuoco medio per 3-4 minuti finché diventa dorata. In questo modo si cuoce anche sulla parte superiore. E’ possibile girare i filetti e cuocerli dall'altro lato ma non farlo per più di 1-2 secondi. Disporre i filetti di platessa su un piatto caldo con il lato che è stato fritto rivolto verso l’alto e tenerli in caldo.
  3. Riscaldare 1½ cucchiaio di olio in un wok o in una padella e friggere le mandorle finché cominciano a prendere colore. Incorporare il cavolfiore e far saltare a fuoco vivo per 3-4 minuti. Aggiungere mezzo cucchiaio di burro e metà del prezzemolo e insaporire con sale e una macinata di pepe a piacere. Cuocere per un ulteriore minuto.
  4. Disporre il cavolfiore con le mandorle su piatti caldi e poggiarvi sopra i filetti di platessa in diagonale. Guarnire con foglioline di prezzemolo.

Servire con purè di patate e insalata.

 

Curiosità sulla platessa
Curiosità sulla platessa

Curiosità sulla platessa

 

In cucina, la platessa può essere cucinata in tantissimi modi: al vapore, alla griglia, al barbecue, stufata e lessata. È un pesce molto richiesto, essendo economico, facile da preparare, saporito e non grasso. Ecco alcune gustose ricette.

 

Vai a ricette